giovedì 10 febbraio 2011

postheadericon Tiziana Mengele






Porrajmos è il termine che in lingua romani significa "devastazione" o " grande divoramento"; indica il tentativo, perpetrato dai nazisti, di sterminare le etnie romani (Rom, Sinti e Kalè) nei campi di concentramento.
Gli appartenenti alle etnie in questione vennero deportati nei campi di sterminio tedeschi, sparsi per tutta l'Europa, e furono, quasi sempre trattati, addirittura, in maniera peggiore degli altri internati.
Particolarmente crudele era la sperimentazione pseudoscientifica effettuata nel campo di Auschwitz (e in altri lager): esperimenti sul congelamento, sterilizzazioni, inoculazione di virus e agenti patogeni e morte per ingerimento forzato di acqua salata.
Durante gli esperimenti, donne e adolescenti venivano tenuti in gabbie molto piccole, completamente nudi, in condizioni igieniche disastrose.
Secondo un calcolo approssimativo furono sterminati 500.000 esseri umani appartenti alle etnie romani; nel lager di auschwitz i rom si ribellarono, nel tentativo di evitare le famigerate "docce".
In Italia, Rom e Sinti furono imprigionati nei campi di concentramento di Agnone (convento di San Berardino), Berra, Bojano(capannoni di un tabacchificio dismesso), Bolzano, Ferramonti, Tossicia, Vinchiatauro, Perdesfogu, e nelle Tremiti (per chi ancora volesse pensare che i fascisti italiani erano più umani dei nazionalsocialisti).


Venendo ad oggi, nei post precedenti me la sono presa solo coi fasci padani, ma in realtà il fenomeno è più ampio.
C'è molta connivenza, silenzio e approvazione celata nei confronti di questo fenomeno aberrante, di questo razzismo strisciante.
Sia ben chiaro che neanche a me vanno bene certi comportamenti di alcuni nomadi, come non mi vanno bene gli stessi comportamenti tenuti da persone di qualsiasi altra etnia, compresa, a maggior ragione, quella italiana, ma qui il problema è un altro.
Si tratta del rifiuto aprioristico della diversità, la paura dell'altro, la favola dell'uomo nero; tutto ingigantito dalle trasmissioni truculente delle maggiori televisioni italiane.
Salvo, poi, cospargersi il capo di cenere, quando succedono le tragedie come quella di Roma; ma tutti i proclami del sindaco fascio della capitale, tutti i milioni di euro stanziati, a cosa sono serviti?.
La diversità, che, anche in natura, è un valore assoluto, invece, è una delle caratteristiche più forti del genere umano, uno dei mezzi per l'irrobustimento e la perpetuazione della specie ( e parlo di specie perchè, per me, siamo tutti uguali, tutti homo sapiens [tranne alcuni individui]); se no, in natura, si sarebbe affermata un qualsiasi tipo di riproduzione asessuata (che sò, partenogenesi ad esempio).
Ma aldilà di questa notazione scientifica, il bello degli esseri umani, nel mondo, è la diversità di culture, di tradizioni,di musica e di filosofie di vita; è bellissimo incontrare gente di altre etnie, scambiarsi opinioni e imparare gli uni dalla sapienza e dalle esperienze degli altri.
Tranne qualche sporadico episodio, sono contento che i miei figli frequentino una scuola multietnica, perchè hanno capito, inconsciamente, fin da piccoli, con la conoscenza dell'Altro, che la diversità, di per sè, non è male.
Se poi la famiglia ci mette del suo è meglio; il non plus ultra sarebbe che la nostra pessima televisione, invece di fomentare l'odio razziale, facesse conoscere la bellezza della diversità degli altri popoli, che i nostri politici non accettassero più comportamenti razzisti e nazisti di numerosi rappresantanti delle istituzioni e dirigenti scolastici, così, magari, si potrebbe ragionare in termini di uguaglianza, diritti e doveri.
Quindi, stiamo attenti alle parole pronunciate dalla Maiolo l'altro giorno; cosa sottende il termine "educare"?, vogliamo snaturare qualche altro popolo? sul modello dei Nativi americani e canadesi, li vogliamo convertire? a cosa poi? al nostro merdoso modo di vivere avvelenato dal berlusconismo di destra e di centro (dico centro, perchè il pd sta lì).
La Maiolo appartiene a FLI, quindi, a parte i proclami del segretario, la nomenclatura del partito la pensa così, e si chiamano "futuristi" (back to the future).
Io alla Maiolo, personalmente, non affiderei neanche un criceto da allevare, a lei e ai suoi compari di partito; questa è la gente, con cui Bersoldo vuole allearsi a tutti i costi, mala tempora currunt sed peiora parantur!.
Questo è un film già visto..........








Bimbi e adulti di etnia Romani schedati e deportati



                       Poesia Sinti




STELLA RUBRA

CC Creative Commons 2.5 Italia License

0 commenti:

Votami (click sul banner)

www.net

La storia siamo noi

La storia siamo noi

Post per email

Iscriviti a Stella Rubra per ricevere un email ogni nuovo post pubblicato
Email:
Gli articoli le immagini e tutto ciò che viene firmato dall'autore sono proprietà intellettuale di Stella Rubra. Stella Rubra autorizza, citando l'autore, l'utilizzo, non commerciale, delle sue opere in siti e blogs, non permettendo, in alcun modo, la modifica delle stesse .
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica o altro di simile, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001
Powered by Blogger.

Lettori fissi

Si è verificato un errore nel gadget

Social Network

Visitatori